Materiale isolante
Esistono numerosi materiali isolanti ognuno presenta dei vantaggi particolari, per questo la scelta deve essere valutata caso per caso. In linea di principio si possono distinguere materiali isolanti naturali (fiocchi di cellulosa, sughero, juta, canapa, fibra di cocco, altro..) e materiali isolanti sintetici (polistirene, lana di roccia, lana di vetro).
Vantaggi di un buon isolamento termico
  • Garantisce un clima confortevole mantenendo fresco d'estate e caldo d'inverno.
  • Riduzione delle perdite di calore.
  • Assenza di umidità e di muffe.
  • Riduzione delle spese di riscaldamento.
Incentivi

Nel caso di edifici costruiti più di 10 anni fa, l'Ufficio Risparmio Energetico concede un contributo fino al 30% della spesa sostenuta per realizzare un sufficiente isolamento termico. Sono inoltre previste detrazioni fiscali del 36% e del 55% in relazione a determinati interventi di coibentazione su edifici esistenti.
Qualità abitativa
Il miglioramento della qualità abitativa degli ambienti interni all'edificio si ottiene effettuando un buon isolamento termico delle singole parti costruttive (muri perimetrali, tetto ecc.), oltre a garantire un clima confortevole con la coibentazione si riducono le perdite di calore ottenendo una riduzione delle spese di riscaldamento. Un altro vantaggio è quello di impedire o ridurre i ponti termici che sono la causa della formazione di muffe all'interno degli ambienti.
Prezzi interventi
Prezzi interventi di isolamento termoacustico tramite insufflaggio di fiocchi di cellulosa isofloc.
Isolamento pareti
  • Insufflaggio di intercapedine parete esterna
    sp 10cm -> a partire da 10 € mq + iva
  • Isolamento sottotetto (densita min 35 kg\m3)
    sp 15cm -> da 13,5 € mq + iva (100 mq)
  • Isolamento intercapedine sottotetto
    sp 20cm -> da 18 € mq + iva (100 mq)

In sede preventivo saranno calcolati ed allegati i rendimenti energetici ed economici previsti al termine dell'ntervento.  

Isolamento Termico

La rivendita Edilia S.a.s. esegue, in tutto il nord e centro Italia, con il proprio personale tecnico, qualsiasi intervento di isolamento termico ed acustico, dal tradizionale cappotto esterno, al tetto rovescio, all'isolamento termico con pannelli semplici o accoppiati o con i nuovi isolanti ultrasottili multiriflettenti TRISO ad altissima capacita termica.
Inoltre è possibile l'isolamento termoacustico anche mediante insufflaggio di fiocchi di cellulosa, perlite, vermiculite, fibra di vetro e sughero direttamente nell'intercapedine di pareti, tetti, sottotetti, vespai.
E' posibile insufflare anche granuli in gomma sciolti, i quali permettono, grazie alla elevatissima densita' ( 600-700 kgmc) e alle notevoli carateristiche fonoimpedenti, di essere utilizzati con successo anche nell'isolamento acustico di intercapedini e colonne di scarico rumorose.
La rivendita Edilia commercializza anche i prodotti sfusi, incentivando il committente ad eseguire direttamente l'intervento riducendo i costi di esecuzione.
Siamo specializzati in interventi all'interno di appartamenti arredati e già abitati.
Si realizza a costi contenuti la documentazione necessaria alla detrazione fiscale del 55%.
CONSULENZE GRATUITE IN ABITAZIONE
insieme al preventivo viene allegata copia delle relazioni tecniche inerenti il comportamento termico delle superfici trattate prima e dopo l'isolamento, che garantiscono l'elevata efficacia del risultato in termini di aumento e di conservazione della temperatura interna in inverno e di resistenza al passaggio del calore in estate.
Viene allegata anche una tabella che determina con esattezza il risparmio economico sulle spese di riscaldamento grazie alla migliore resistenza della superficie dopo l'isolamento.

INSUFFLAGGIO DI ISOLANTI NATURALI

Cosa sono i fiocchi di cellulosa

I fiocchi di cellulosa sono prodotti da quotidiani con aggiunta di sali di boro. E' un isolante sfuso da insufflare nelle intercapedini di muri e tetti. Indicato per l'isolamento di pareti, solette, pavimenti e tetti. Il prodotto è estremamente traspirante ed ecologico tanto da essere consigliato da GREENPEACE nel progetto "clean construction"

  • Rapidità di esecuzione, 1-2 giorni per pareti perimetrali di un alloggio di circa 100 mq.
  • Costi decisamente inferiori rispetto a un cappotto tradizionale o alla posa di pannelli isolanti.
  • Efficacia del risultato, con la cellulosa in fiocchi si ottiene la certezza di aver sigillato tutti gli spazi presenti nell'intercapedine.
  • Risoluzione dei problemi di umidità muffe e condensa.
  • E' garantito al committente un consistente risparmio annuo delle spese di riscaldamento che siamo in grado di quantificare caso per caso.

si prevede un recupero della spesa in circa 3 anni, grazie anche alla detrazione fiscale del 55%

  • si ricorda che il prodotto viene garantito illmitatamente.


Un sistema di isolamento assolutamente innovativo





Quando e dove usare ISOFLOC

ISOFLOC è tecnicamente efficiente e la relazione costo/beneficio è eccellente
Può essere usato sia per edifici di nuova costruzione sia per costruzioni esistenti, antiche e moderne. Qualunque tipo di condizione tecnica e tipologia di edificio è adatta all'uso dell'isolante ISOFLOC. Per questo ISOFLOC è un sistema d'isolamento flessibile che si può utilizzare nelle diverse situazioni.Ideale per l'isolamento termico dei tetti, dei sottotetti e delle intercapedini delle murature.

Isolamento pareti dall'esterno Isolamento pareti dall'interno Esempio di riempimento intercapedine

Isolamento tetto dall'interno Isolamento tetto dall'esterno Isolamento pavimento o solaio

Esempi di tecniche di insufflaggio



Insufflaggio in cassaforma Si evidenzia, in questo esempio di laboratorio, la densità del prodotto applicato e la saturazione degli interstizi.

Insufflaggio esterni con fiocchi di cellulosa

Insufflaggio tetto con fiocchi di cellulosa

Insufflaggio in interno

Si effettuano sopraluogi e preventivi gratuiti.
Isolamenti a partire da 10 € + iva al mq.  

Siamo disponibili nel nostro punto espositivo
dalle 7.30 alle 12 e dalle 13.30 alle 17.30, il sabato 8-12
oppure su appuntamento da concordare al cell 335.648.9123

Chiedeteci un preventivo gratuito al n. fax 010.511.188
oppure via email info@edilia-genova.com

Esempi di interventi eseguiti

FREDDO E MUFFA

IMPERIA localita' Camporosso
Pareti
Immobile esposto a nord ovest, le pareti sono vistosamente interessate da fenomeni di muffa e condensa superficiale. temperatura pareti esterne 4°C, parete interna 12°C, temperatura ambientale interna 16 °C, spessore intercapedine 10 cm. Il committente lamenta anche un drastico abbassamento della temperatura alla chiusura serale dell'impianto di riscaldamento condominiale in quanto il suo alloggio passa in 3 ore da 16 ° a 12° Dopo l'insufflaggio la temperatura superficiale della parete interna è aumentata di 4 °C ed il confort interno risulta essere ora 20°, grazie all'ottimo valore di sfasamento dei fiochi di cellulosa, la temperatura interna si e' abbassata di un solo grado centigrado dopo 12 ore dalla chiusura dell'impianto di riscaldamento.
Genova Molassana Salita Costa Fredda
Immobile esposto a nord, temperatura pareti esterne 6°C, parete interna 11°C, temperatura ambientale interna 16°C, spessore intercapedine 17-19 cm. Dopo l'insufflaggio la temperatura superficiale della parete interna è aumentata di 8 °C ed il confort interno risulta essere ora 20,5; anche il problema muffa è stato risolto definitivamente.

Genova Molassana Via Pino Sottano 1
La casa, gelida in inverno e calda in estate, con uno spessore di intercapedine15 cm e di sottotetto di 20 cm dopo l'insufflaggio ha visto un aumento della temperatura interna di 6°C in inverno ed in estate la temperatura alle ore 18 è passata da 32°C a 26°C.

CALDO

VARESE centro
Il cliente richiede un isolamento termico in quanto l'immobile esposto a sud in estate raggiunge temperature estremamente elevate nelle pareti di perimetro esterno , di colore marrone, il giorno 5 luglio 2010 alle ore 16 e' stata rilevata una temperatura di 56° la parete e' composta a un semipieno da 16 cm un intercapedine d'aria da 10 cm e un forato interno da 8 cm la temperatura superficiale interna delle pareti risulta essere 39° la temperatura ambientale interna varia da 29 a 34 gradi nel soggiorno e in cucina il giorno dopo l'isolamento , a parita' di condizioni ambientali si e' evidenziato una abbassamento drastico della temperatura interna che alle ore 19.00 non superava i 26 gradi. I comittenti riferiscono che alle ore 23 la temeratura e' scesa a 24°. in precedenza non si riusciva a ottenere temperature inferiori a 28° anche a notte inoltrata.
BOLOGNA centro
Solaio
in questo caso è stato isolato il solaio di un alloggio di circa 100 mq, la superficie trattata è composta da un strato di laterocemento da 26 cm, il tetto in tegole e tavole in legno. L'isolamento è stato seguito applicando uno strato di fiocchi di cellulosa di circa 25 cm a densita 30-35 kgmc, compattabile a circa 15 cm, il quale ha determinato un rendimento termico, vedi valore di trasmittanza, di circa 7,5 volte superiore alla situazione precedente da cui si deduce facilmente la superiore capacita' di trattenere il calore interno dell'alloggio e di resistere al passaggio del caldo-freddo dall'esterno. La resistenza al calore estivo determinera' un forte abbassamento della temperatura interna, le pareti di perimetro saranno fresche e, grazie al miglior valore di sfasamento , il calore penetrera' nell'alloggio (ridotto di 7,5 volte) con un ritardo di circa 5 ore rispetto le condizioni iniziali analogo comportamento si potra' evidenziare in inverno dove la dispersione del calore alla chiusura del riscaldamento sara' ritardata di oltre 5 ore (ridotta comunque di 7,5 volte).
Villanova D'Asti Via San Domenico Savio 9
Casa calda in estate con un intercapedine dei muri di spessore 18 cm dopo l'insufflaggio con isofloc la temperatura interna in estate alle ore 18 è passata da 34,5°C a 27°C.

Torino Venaria
Casa calda in estate con un intercapedine dei muri di spessore 12 cm dopo l'insufflaggio con isofloc la temperatura interna in estate nel sottotetto alle ore 19 è passata da 33,5°C a 27.2°C.

UMIDO / CONDENSA E MUFFA

Milano Bresso
pareti interne gelide. temperatura ambientale interna 17 °C, massimo con impianto autonomo spessore intercapedine 6 cm. Con una pannello di lana di roccia da 3 cm. Il committente lamenta anche un drastico abbassamento della temperatura alla chiusura serale dell'impianto di riscaldamento condominiale in quanto il suo alloggio passa in 3 ore da 16 ° a 12° Dopo l'insufflaggio la temperatura superficiale della parete interna è aumentata di 4 °C ed il confort interno risulta essere ora 20°, grazie all'ottimo valore di sfasamento dei fiochi di cellulosa, la temperatura interna si e' abbassata di un solo grado centigrado dopo 12 ore dalla chiusura dell'impianto di riscaldamento.
Genova Via Costa 17 A
Immobile esposto a nord, presenza diffusa di muffa e umidità in tutto l'alloggio. Temperatura pareti esterne 8°C, parete interna 14°C,temperatura ambientale interna 17°C spessore intercapedine 20 cm. Dopo l'insufflaggio con isofloc la temperatura superficiale della parete interna è aumentata di 8°C ed il confort interno risulta essere ora 21,5°C; dopo il necessario trattamento antimuffa il problema e' stato risolto definitivamente.

ACUSTICA

Genova P.zza Martiri Della Libertà
Intervento inerente le pareti di un appartamento sito al piano attico di un condominio relativo a problemi di trasmissione acustica fra appartamenti attraverso l'intercapedine e di traffico automobilistico. Dopo insufflaggio risulta risolto il problema delle emissioni acustiche indesiderate tra i vari alloggi e con l'ausilio di un isolamento a pannelli dei cassettoni i rumori esterni sono scomparsi. Infatti Isofloc ha un potere fonoassorbente di dai 50 ai 65 dB.

Isolanti sottili multiriflettenti ACTIS TRISO

Cosa sono gli isolanti sottili multiriflettenti

Gli isolanti sottili riflettenti multistrato sono dei composti tecnici a spessore ridotto (max. 30mm) costituiti dall'unione di pellicole di materiale riflettente ed elementi isolanti combinati (ovatta, schiume, lana di pecora, ecc.).

Questi isolanti sono in particolare molto efficaci per limitare gli scambi dovuti a irraggiamento, che rappresentano una parte molto significativa della dispersione termica negli edifici.

Partendo dalla stessa efficienza termica, gli isolanti sottili riflettenti multistrato permettono di realizzare dispositivi isolanti da 3 a 5 volte più sottili (intercapedine compresa) rispetto agli isolanti spessi tradizionali.

Si tratta di materiali perfettamente adatti all'isolamento degli edifici residenziali, commerciali e industriali – coperture, tetti, muri e pavimenti.

Come agiscono gli isolanti ACTIS ?

Il calore è uno stato della materia che si trasmette per mezzo di una differenza di temperatura da una zona calda verso una zona fredda. La trasmissione avviene in 4 modi diversi che rappresentano altrettante dispersioni termiche: l'irraggiamento, la convezione, la conduzione e il cambiamento di fase (umidità / vento).

L'IRRAGGIAMENTO

Trasmissione di calore senza contatto tra due corpi, vale a dire a distanza.
Esempio: sedendosi davanti al caminetto, si sente il calore sprigionato da quest'ultimo.

Come agiscono gli isolanti ACTIS sull'irraggiamento?
Le pellicole riflettenti esterne degli isolanti ACTIS respingono l'irraggiamento degli infrarossi in modo molto efficace verso la sorgente d'emissione (apparecchi di riscaldamento in inverno e irraggiamento solare in estate). Inoltre, ogni pellicola riflettente interna costituisce un'ulteriore barriera alla trasmissione di calore tramite irraggiamento.

LA CONDUZIONE

Trasmissione del calore per contatto attraverso un ambiente solido, liquido o gassoso. Esempio: una piastra elettrica calda a contatto con una casseruola trasmette il calore per conduzione.

Come agiscono gli isolanti ACTIS sulla conduzione? I separatori a bassa densità (ovatte, schiume, ecc.) degli isolanti ACTIS, racchiusi tra le pellicole riflettenti, costituiscono camere d'aria isolanti che rappresentano altrettante barriere alla conduzione (stesso principio dei doppi vetri).

  • All'esterno del complesso multistrato:
    L'installazione tra due camere d'aria, vale a dire senza contatto con la parete da isolare, permette di limitare notevolmente i trasferimenti d'energia per conduzione.
  • All'interno del complesso multistrato:
    Si verificano pochi fenomeni di conduzione, nella misura in cui le pellicole riflettenti sono separate da materiali che rappresentano altrettante camere d'aria isolanti che ostacolano la conduzione.
LA CONVEZIONE

Movimento d'aria calda dovuto a una differenza di temperatura e di massa per unità di volume. L'aria calda sale ed il calore si dissipa. Esempio: un radiatore scalda l'aria per contatto (conduzione), l'aria calda esce verso l'alto (convezione).

Come agiscono gli isolanti ACTIS sulla convezione?
Gli isolanti ACTIS permettono di combattere gli spifferi d'aria che sono all'origine di importanti dispersioni termiche.

IL CAMBIAMENTO DI FASE

Trasmissione del calore per cambiamento di stato: solido, liquido, gassoso (il passaggio dallo stato gassoso allo stato liquido sprigiona calore). Esempio: la condensa sui vetri del bagno è dovuta al vapore acqueo della zona calda che si condensa sui vetri freddi.

Come agiscono gli isolanti ACTIS sul cambiamento di fase? Gli isolanti ACTIS sono impermeabili all'acqua di scorrimento accidentale.
Inoltre, le loro prestazioni termiche impediscono la condensa sulla faccia interna.

Vantaggi isolamento

Elenco prodotti

Triso SUPER 10
TETTI - SOTTOTETTI - MURI

SPECIFICITÀ DEL PRODOTTO:

TRISO-SUPER 10 è stato misurato in condizioni reali di utilizzo da TRADA Technology Ltd. e certificato come equivalente a 210 mm di lana minerale da BM TRADA Certification Ldt (certificato n° 0102 del 3 aprile 2006) per un'applicazione sottotetto secondo il modo di posa standard inglese.
Triso Super 10




Triso LAINE
TETTI - SOTTOTETTI - MURI - PAVIMENTI

SPECIFICITÀ DEL PRODOTTO:
Isolante a base di lana di pecora (trattamento antitarme).
  • Un prodotto 100% stagno all'aria ed impermeabile all'acqua.
  • Permette una nuova tecnica di sovrapposizione dei giunti:
    - chiusura ermetica.
    - non necessita dell'impiego di teli a membrana impermeabile.
  • Regola naturalmente il tasso d'igrometria nei tetti.
  • Presenza di un film nero molto resistente che evita l'abbagliamento del montatore durante la posa e ottimizza la ventilazione della sottocopertura, aumentando l'effetto camino (convezione rinforzata).
  • Può essere posato direttamente sul tavolato (lato della lana a contatto con il tavolato).
Triso Laine


ACTIS 5 regole di posa tetto:

ACTIS tetto posa sulle capriate:

ACTIS soffitto interno:

Triso MURS+
MURI - PAVIMENTI

SPECIFICITÀ DEL PRODOTTO:
Confort termico: elimina l'effetto parete fredda.
Rete di aggancio per facilitare la posa su malta adesiva.
Triso Murs+




ACTIS posa in parete verticale con incollaggio


ACTIS posa in parete verticale su listelli:


Triso SOLS
PAVIMENTI - RADIANTI - AD ACQUA - CALDA

SPECIFICITÀ DEL PRODOTTO:
  • Speciale per ristrutturazioni: più spazio in altezza (spessore = 7 mm).
  • Garantisce la distribuzione uniforme del calore dai pavimenti radianti ad acqua calda.
  • Evita la formazione di ponti termici (per risalita dell'isolante nei muri).
  • Foglio trasparente di polietilene quadrettato per facilitare la posa e la misurazione delle serpentine.
Triso Sols




ACTIS pavimento:

Quanto rendono gli isolanti ACTIS rispetto agli isolanti tradizionali

Tabella rendimento


Isolamento tetto Isolamento pareti Isolamento pavimento o solaio



Si effettua la fornitura e posa degli isolanti in Liguria, nord e centro Italia.
Richiedeteci un preventivo di spesa.

Isolanti sintetici

CAPPOTTO







Altre info le potete avere consultando il depliant

TETTO ROVESCIO

Al di là dei materiali che si useranno nei singoli casi, concettualmente, la sequenza operativa per ottenere un prodotto finale ottimale può essere, la seguente:

  1. doppia guaina bituminosa al poliestere;
  2. pannelli in polistirene espanso estruso, dello spessore desiderato;
  3. ghiaietto di fiume di protezione e zavorramento.

Se necessario, si aggiunge una barriera vapore da disporre sempre aderente alla faccia calda dell'isolamento termico, I pannelli costituenti l'isolamento termico dovranno in questo caso essere di un materiale che non muta le sue caratteristiche termiche in presenza di acqua; lo spessore dei pannelli andrà stabilito caso per caso in base al comfort che si vorrà ottenere nei locali sottostanti, ma in genere non si disporranno mai meno di tre centimetri, in ogni caso saranno preferiti i pannelli con battente in modo da non presentare "debolezze termiche" lungo le giunture e, nel caso di più strati, i pannelli si disporranno sfalsati, in modo che il giunto di uno strato non si vada a sovrapporre al giunto dell'altro strato.
Il ghiaietto necessario per la protezione dei pannelli che, generalmente, non devono essere esposti ai raggi solari, si può indicare in uno strato di circa 7 - 10 centimetri con una granulometria il più possibile uniforme, ed intorno ai 3 centimetri con elementi perfettamente puliti ed arrotondati; con queste caratteristiche è garantita oltre ad una buona protezione ai raggi solari per i problemi causati dalla luce, anche una naturale ventilazione fra i vuoti del ghiaietto e si evita quindi un surriscaldamento eccessivo dei sottostanti pannelli coibenti.
Quanto detto ha validità generale; spetta poi al progettista valutare lo spessore ottimale dei vari strati e la scelta del materiale che più si presta a rispondere alle esigenze particolari di ogni caso.
Concettualmente, l'obbiettivo è quello di realizzare una copertura, che garantisca, ovviamente, sempre la perfetta impermeabilità, e che garantisca inoltre prestazioni termiche ottimali sia in inverno che in estate.

Se il pavimento vuole essere reso praticabile, al posto del citato ghiaietto, si possono usare delle pavimentazioni in marmittoni di cemento con finitura a graniglia, posti in opera rialzati da piedini in gomma negli angoli che consentono anche una buona aerazione della copertura.



PANNELLI ACCOPPIATI

Contropareti

I materiali a elevata standardizzazione del Sistema Costruttivo a Secco consentono una grande flessibilità in fase di progettazione e montaggio, così da modulare le prestazioni delle contropareti in funzione dei materiali scelti. Con la corretta tecnica di posa e la lastra idonea è possibile realizzare una controparete su qualsiasi tipo di supporto.
Le contropareti possono essere eseguite realizzando una struttura metallica vincolata alla parete retrostante (Knauf W623) oppure autoportante (Knauf W625) e poi fissando le lastre in gesso rivestito all'orditura, interponendo prima il materiale isolante.

Più semplicemente si possono realizzare rivestimenti isolanti (Knauf W624) incollando sulla muratura lastre in gesso rivestito preaccoppiate con i materiali isolanti: lana di vetro LM, polistirolo espanso PSE, polistirolo espanso estruso XPS.
Scegliere la giusta tipologia e spessore del materiale isolante permette di ottenere soluzioni conformi alle normative vigenti.

In alternativa alle lastre di gesso rivestito, possono essere utilizzate:

  • lastre in gessofibra Vidiwall XL, per un'elevata resistenza meccanica e agli urti
  • lastre in cemento fibrorinforzato Aquapanel Indoor, per pareti ad altissime prestazioni di resistenza agli urti e all'umidità.



Controparete Knauf W625 Controparete Knauf W624

Controsoffitti

I controsoffitti, posti all'intradosso di un solaio di copertura o di un sottotetto non abitabile, garantiscono a quest'ultimo elevate prestazioni di isolamento termico, consentendo un più rapido riscaldamento degli ambienti nella stagione invernale. Realizzati con una struttura metallica posta in aderenza al solaio - Knauf D111 – oppure ribassata - Knauf D112/114 – mediante sospensioni in acciaio regolabili, i controsoffitti possono essere combinati con diversi materiali isolanti, ad es. lane minerali, polistiroli, polistireni, lana/fibra di legno, sughero, canapa, etc.., così da ottenere soluzioni conformi alle vigenti normative. I pannelli coibenti saranno posti in un unico strato aderente tra la struttura metallica ed il solaio, oppure semplicemente in appoggio sulle orditure metalliche del controsoffitto. Il tipo e numero di lastre di rivestimento sono determinati in funzione delle prestazioni di isolamento termico, protezione dal fuoco, isolamento acustico che si vogliono ottenere.

Controsoffitto in aderenza Knauf D111 Controsoffitto ribassato Knauf D112

POLISTIRENE ESPANSO ESTRUSO

Proprietà fisiche e meccaniche che lo identificano come un isolante termico di elevata qualità. Si presenta come un pannello in schiuma rigida, omogeneo per forma e dimensione delle celle, prodotto conformemente alle normative europee (CE). E' disponibile con bordi perimetrali squadrati, battentati o maschio/femmina. Trova applicazione nella coibentazione di pavimenti, pareti coperture piane o a falde inclinate.

Isolante in polistirene espanso estruso

LANA DI ROCCIA

E' un isolante termoacustico con una elevata resistenza al calore ed una eccezionale resistenza al fuoco. Prodotto a partire da fibre di rocce vulcaniche come il basalto, la roccia calcarea, la dolomite e la bauxite. Viene commercializzato in pannelli e in rotoli. In pannelli si utilizza nell'isolamento di pareti interne, esterne con intercapedine, facciate ventilate, tetti, tetti terrazzati, pavimenti e controsoffitti. I rotoli isolanti vengono in oltre utilizzati negli impianti su tubazioni, condotte di ventilazione e canne fumarie.

Isolante in lana di roccia

LANA DI VETRO

Isolante termoacustico costituito da fibre di vetro lunghe, sottili, elastiche di elevata resistenza meccanica. Viene commercializzato come feltri e come pannelli. I feltri trovano impiego nella coibentazione di tetti e sottotetti non praticabili, controsoffitti e pavimentazioni in legno; i pannelli sono indicati nell'isolamento dei muri di intercapedine delle pareti di separazione tra unità immobiliari.

isolante in lana di vetro